PIANETA NUTRIZIONE - www.viversimeglio.it

Nutrizionista Lifestyle Trainer
Vai ai contenuti

Abitudine alla prima colazione e calo ponderale

www.viversimeglio.it
Pubblicato in Alimentazione · 12 Febbraio 2019
Tags: colazione;alimentazione
Ha suscitato interesse la recente analisi di 13 studi di intervento controllati,  in cui è stata valutato l’effetto della prima colazione sull’assunzione  calorica quotidiana complessiva e sul peso, in soggetti normopeso o  sovrappeso/obesi. Secondo questa metanalisi,  e contrariamente a quanto rilevato negli studi di osservazione, il  consumo regolare della prima colazione non avrebbe alcuna ricaduta  favorevole sulle variazioni del peso, soprattutto nelle persone  sovrappeso/obese, aggiungendo anzi calorie all’apporto totale  quotidiano, senza neppure stimolare (come ipotizzato) una maggiore  termogenesi proprio nelle ore tra risveglio e pranzo.
Gli Autori  stessi, però, ammettono che questi studi di intervento sono in buona  parte di inadeguata qualità: la prima e fondamentale limitazione è la  loro durata, al massimo 16 settimane (e solo 2 negli studi che hanno  valutato l’effetto sul consumo calorico), un periodo troppo breve che  non consente di trarre conclusioni affidabili.
Inoltre, nessuno di  questi studi ha valutato il contributo della prima colazione all’apporto  complessivo di altri nutrienti fondamentali, come minerali e vitamine.
La  divergenza tra i risultati degli studi di carattere osservazionale (che  da sempre associano l’abitudine alla prima colazione con un maggiore  equilibrio ponderale ed un migliore profilo di rischio cardiometabolico,  e quelli degli studi di intervento può essere attribuita al fatto che  l’abitudine alla prima colazione sia un maker di uno stile di vita  complessivamente equilibrato e corretto, più che un fattore di  protezione reale. Sono tuttavia necessari studi più ampi, più duraturi e  meglio disegnati per chiarire questo punto controverso. Nel frattempo,  come concludono gli stessi autori, occorre molta cautela  nell’interpretazione di questi risultati.

FONTE:Sievert K, Hussain SM, Page MJ, Wang Y, Hughes HJ, Malek M, Cicuttini FM.
Br Med J 2019 Jan 30;364:l42.



PI03200110983 CF RMULSN76B20B157R copyright 2012
Torna ai contenuti