PIANETA NUTRIZIONE - www.viversimeglio.it

Nutrizionista Lifestyle Trainer
Vai ai contenuti

Carne rossa con dieta mediterranea

www.viversimeglio.it
Pubblicato in Carne · 19 Giugno 2018
La dieta mediterranea si conferma favorevole per il profilo cardiometabolico di soggetti sovrappeso o obesi, anche quando comprende carne rossa (di bovino, ovino, suino) purché magra e non trasformata.

Sono questi i risultati di una ricerca condotta negli Stati Uniti, dove il consumo medio di carni rosse è di circa mezzo chilo alla settimana, a fronte dei 200 g indicati per chi segue rigorosamente la dieta mediterranea.

Uomini e donne sovrappeso/obesi hanno seguito per 5 settimane un’alimentazione mediterranea in cui erano inclusi 500 g settimanali di carni rosse (bovine, ovine o suine) magre e non lavorate. Dopo 4 settimane di dieta libera, gli stessi soggetti hanno ripreso una dieta di tipo mediterraneo con un consumo di carni magre e non lavorate di bovino e di maiale ridotto a 200 g settimanali, vale a dire la quantità raccomandata negli schemi alimentari a valenza cardioprotettiva.

Escludendo il contributo degli alimenti ricchi di proteine, le due diete di tipo mediterraneo erano simili per quanto riguarda l’apporto di frutta e verdura raccomandato dalle linee guida, la presenza di cereali prevalentemente integrali, il numero di porzioni quotidiane di latte e latticini e il consumo di olio d’oliva elevato (pari a 247 g/settimana).

Al termine dell’intero studio, è emerso che l’inclusione delle carni rosse, purché magre e non lavorate, non pregiudicava il miglioramento dei parametri cardiometabolici ottenuto grazie al miglioramento del profilo complessivo della dieta sia negli uomini che nelle donne, sovrappeso o obesi. L’effetto sui valori pressori, sul profilo lipidico e sulla risposta glicemica era infatti indistinguibile tra le due fasi della dieta.
STUDIO: O’Connor LE, Paddon-Jones D, Wright AJ, Campbell WW.
Am J Clin Nutr 2018;108:1–8.



PI03200110983 CF RMULSN76B20B157R copyright 2012
Torna ai contenuti